mercoledì 21 febbraio 2018

Il #CognomeMaterno in Italia / Chi ha paura della prossimità neonatale e perché?


La persistenza di una Menzogna sociale
di Iole Natoli


Ho letto con notevole ritardo sulla sua pubblicazione un editoriale del Presidente dell’ISP Maurizio Quilici, dal titolo “Il tramonto del cognome paterno”, in cui vengo tra l’altro citata in merito alla ridotta libertà dei figli rispetto a quella concessa ai genitori nel DdL approvato alla Camera e defunto dopo la sua permanenza al Senato, per conclusione della legislatura passata. Su tale punto sono sempre della stessa opinione. Non solo considero esorbitante il potere concesso ai genitori rispetto a quello accordato ai figli, unici titolari del loro cognome, ma considero una visione patriarcale solo parzialmente modernizzata quella che pone l’accento unicamente sulla libertà dei genitori di scegliere se dare il doppio cognome, o solo quello del padre, o solo quello della madre, e non considera l’interesse primario del figlio di relazionarsi con entrambi i genitori e coi due rami del suo parentado.
Nel mio ultimo lavoro, affidato a una petizione articolata come una proposta di legge, ho posto nel comma 1 dell’Art. 5 come regola di base il doppio cognome e al comma 3 dello stesso articolo come possibilità alternativa la scelta di un solo cognome dell’uno o dell’altro genitore.
Cosa cambia rispetto alla “libertà della scelta” della proposta legislativa citata? Apparentemente nulla. Nella realtà, nella proposta da me formulata c’è un invito al rispetto del figlio e alla tutela della sua identità. Porre come regola di base il doppio cognome, pur prevedendo la possibilità del cognome unico in linea col diritto dei singoli di imprimere l’indirizzo voluto alla vita familiare, riaffermato dalla sentenza CEDU 7/2014 , è riconoscere la centralità del soggetto minore e contenere l’incidenza dell’impulso autoritario che può indurre all’esclusione del cognome di un genitore da quello attribuito al figlio anche in assenza di una qualche ragione obiettiva.
Vorrei però soffermarmi principalmente su ciò che io chiamo prossimità neonatale, ovvero sulla relazione esclusiva del figlio con la madre al momento della nascita (tempo in cui avviene la registrazione anagrafica), e sulla sorte riservata in seno alla 2ª Commissione Giustizia della Camera alla proposta Nicchi, che propugnava l’anteposizione costante del materno nell’ordine dei cognomi dei figli. Un resoconto delle resistenze che vennero opposte lo troviamo nell’articolo citato. Si attribuiva in sostanza alla proposta la volontà di stabilire una superiorità femminile nei confronti degli uomini, accusa che di recente mi è stata lanciata al di fuori di aule parlamentari da qualche donna, che individuerebbe tale presunto intento discriminatorio perfino in una norma che l’anteposizione del cognome materno la postula senza rendere obbligatoria  la sequenza.
A simili esternazioni irriflesse avrei una prima obiezione da muovere. Se la gravidanza e il parto sono vissute come “superiorità” della donna sull’uomo (o come “inferiorità” dell’uomo rispetto alla donna) il problema non sta nell’anteposizione del cognome, ovvero nella simbolizzazione di quegli eventi e della relazione che ne deriva, ma nella differenza in sé considerata. Ne consegue che per non essere superiori agli uomini le donne non dovrebbero mai rendersi gravide e partorire, o che gli uomini dovrebbero mutare drasticamente la loro natura per poter fare a loro volta ciò che viene vissuto come “superiorità” inaccettabile di un ramo della specie sull’altro.
Voler negare il maggiore contributo della donna nella formazione e nella nascita di un figlio è risibile. Non è la sua espressione simbolica ma il fatto che rende non aggirabile la diversità. E allora o si impara a gestire la realtà in modo appropriato, o l’occultamento sia del fatto e sia del possibile disagio vissuto dai padri continueranno a produrre effetti negativi molteplici, primo dei quali sarà il permanere di un’invidia sotterranea e repressa di alcuni uomini nei confronti delle donne, con tutta l’animosità che ne consegue. Le differenze si elaborano per superare le eventuali difficoltà psicologiche che possono comportare e non si avvolgono accuratamente nel falso se non si vuole che producano danni.
Nel comma 2 dell’articolo 5 della proposta/petizione citata ho scritto testualmente:
In conseguenza del tempo in  cui viene effettuata la registrazione anagrafica legata all’evento della nascita,  l’ordine dei cognomi è attribuito per prossimità neonatale. Prevede pertanto in prima posizione il materno, salvo diversa indicazione concorde presentata all'Ufficiale di Stato civile da entrambi i genitori. Ove la richiesta di ordine diverso da quello derivante dalla prossimità neonatale sia presentata da un genitore soltanto, l'Ufficiale di Stato civile attribuirà i due cognomi nell’ordine risultante dal sorteggio”. 
Il perché del sorteggio e non dell’ordine alfabetico è spiegato nelle motivazioni che accompagnano l’articolo.
Cosa comporterebbe l’approvazione del comma 2 su riportato? Sarebbe una norma rigida, come quella proposta allora dall’on. Nicchi e sostenuta dall’on. Di Salvo, o si tratterebbe di un’indicazione di massima che lascia ai genitori ogni possibile scelta? Se già la dichiarazione discorde di un solo genitore conduce a un sorteggio e dunque al 50% delle possibilità di “vittoria”, dove starebbe la disparità insita nel comma 2 che ugualmente alcune donne lamentano?
La causa di questo rifiuto va indagata. Cosa spinge queste donne di parere contrario a svalutare o addirittura negare l’esistenza di una prossimità neonatale? Temono forse che il riconoscimento simbolico di una REALTÀ possa indurre gli uomini a sentirsi meno coinvolti nella cura dei figli, a ricacciarle nell’esclusività dell’allevamento infantile, a farne ancora le succubi di un regime familiare che le escluda da vita sociale e lavoro? Barattano il silenzio sulla verità di gestazioni e di parti, sull’importanza di quel legame primario, in cambio di una qualche libertà? O forse pensano seriamente che la VERITÀ necessiti di oscuramento perché "lesiva" nei confronti degli uomini? Il corpo generativo delle donne sarebbe un'intrinseca offesa da occultare tramite un burqa culturale nostrano? Considerano quelle donne i loro uomini come esseri inadatti a sopravvivere alla presa di coscienza del reale, cioè del fatto che il figlio è stato per nove mesi in relazione costante e unica con la madre e non con il padre, che è stato espulso dal corpo della donna e non da quello dell’uomo, che alla nascita è prossimo solo a lei e non a lui? È per questo, per tutelare dalla verità una sorta di bipede incapace, che imbastiscono con convinzione la pantomima dell'uguaglianza apparente, di una “parità” istituita solo dopo il nascondimento iniziale, erogando al genere maschile una protezione basata sulla falsità che risulta ben più offensiva della diversità naturale che si vorrebbe ad ogni costo nascondere?
Questo timore di una catastrofe che travolga la psiche maschile è superficiale, autoritaristico, rischioso. Parte dal presupposto che il divario non sia in nessun modo colmabile nel tempo attraverso le cure e le attenzioni che un uomo può voler dare al proprio figlio per scelta, per desiderio di fondare la relazione con lui sugli affetti e non per mero obbligo sociale. Parte da quel presupposto insondato e vi rimane.
La negazione della relazione iniziale madre-figlio è portatrice anche di altre conseguenze; probabilmente non vi si è riflettuto abbastanza. Conduce dritto all'utero in affitto. Non è un caso se a questa pratica "tecnologica" (parola magica che spoglia del disumano ogni atto eversivo) si strizza l’occhio tanto facilmente dovunque. Non è un caso se con tanta disinvoltura in Italia la si vorrebbe "regolare" - il che significa legalizzare - né è un caso se le proposte in merito sono tra le più violente possibili sul piano dell'alienazione femminile: ti pago, il bimbo tu me lo fai ma poi sparisci, senza possibilità di partecipazione o ricorso. Non è un caso se a voler sfruttare e a sostenere una così devastante alienazione ci sono anche donne, che alla scomparsa legalizzata di sé sono state "addestrate" da secoli, mediante la soppressione del loro stesso cognome sino alla riforma del 1975, se coniugate, e mediante l’esclusione automatica della loro presenza nel cognome dei figli, tuttora non cancellata dalla parziale modifica introdotta dalla sentenza 86/2016, che, in contrasto con l'art. 29 della nostra Carta e con l'art. 14 della CEDU e paradossalmente, per essere un atto della Corte Costituzionale, subordina la libertà delle madri alla volontà senza appello dei padri.
  21.02.2018
© Iole Natoli 
info

mercoledì 24 gennaio 2018

FACCIAMO IL PUNTO - ma non la croce - sul #Cognome Materno ai Figli in Italia


All’attenzione di chi è avvezzo a prestarne
di Iole Natoli

Con lo scioglimento delle Camere, il poco gradito DdL 1628 è caduto. La Proposta “Disposizioni sul Nome della persona e sul Cognome dei coniugi e dei figli”, ispirata alle sentenze della CEDU e della CONSULTA e a cui qui si rimanda (link), potrebbe invece riscuotere consensi.  





venerdì 19 gennaio 2018

COGNOME MATERNO ai Figli / Nuovo Progetto per la XVIII Legislatura

Disposizioni sul Nome della persona e sul Cognome dei coniugi e dei figli
di Iole Natoli

In esecuzione della sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo 7 gennaio 2014 e della sentenza della Corte Costituzionale italiana 286/2016.  



Petizione lanciata su change.org il 14 gennaio 2018


venerdì 27 ottobre 2017

GPA / SUI “CONTRATTI” E SUL DIRITTO ITALIANO


Quando nel 1979 cominciai a scrivere sul cognome materno, formulando per la prima volta nella Repubblica Italiana le indicazioni per una proposta di legge basata sul doppio cognome (nel Regno d'Italia mi aveva preceduta di un secolo il deputato pugliese Salvatore Morelli),  non pensavo al cognome materno come fatto a sé stante, ma come espressione simbolica della relazione primaria madre-figlio
A distanza di tanti anni intervengo sulla pratica della Gpa che si vorrebbe introdurre in Italia, mossa dalla stessa convinzione. La relazione madre-figlio non è primaria solo temporalmente, lo è anche per importanza fondante e volerla stravolgere alienando il figlio dalla donna che lo partorisce costituisce una violazione delle norme di natura oltre che del diritto del bambino.
Riporto dunque qui un articolo pubblicato su "Femminismi a confronto e laicità" (link), in quanto lo ritengo inerente al mio tema di sempre.

venerdì 6 gennaio 2017

COGNOME MATERNO / la sentenza n. 286/16 della Corte Costituzionale


DUE SENTENZE E UN DISEGNO DI LEGGE A CONFRONTO
di Iole Natoli *

Il 21 dicembre 2016 è stata depositata la sentenza della Consulta, riguardante una richiesta di aggiunta del cognome materno (->∆). Il caso su cui la Corte si è pronunciata riguardava un bimbo nato in costanza di matrimonio e titolare di doppia cittadinanza, che veniva identificato in Brasile con il doppio cognome, paterno e materno, e in Italia con il solo cognome del padre.

sabato 30 gennaio 2016

GPA / Dell’assenza del #CognomeMaterno


FARE UN FIGLIO PER ALTRI
o della soggezione patriarcale
di Iole Natoli *

Dea Madre che allatta due gemelli 
da Megara Hyblaea, necropoli ovest
L’idea di "FARE UN FIGLIO PER ALTRI" è sempre stata presente in latenza nelle donne, tranne che nelle società matriarcali. Per quanto le riforme del diritto di famiglia abbiano modificato molte cose nel mondo, opera ancora sotterraneamente il vissuto che ci è stato consegnato dalle nostre madri e antenate. La famiglia è ancora rappresentata dal padre tramite l’uso della patronimia, scarsamente intaccato dalle riforme nei Paesi dove una diversa legge sul cognome dei figli è stata introdotta.
Da noi ad esempio il linguaggio corrente, specie quello di origine chiesastica declinato da certi politici, descrive la famiglia come unione dell'UOMO con la DONNA - in barba all'ordine alfabetico cui si ricorre in altre circostanze - ponendo l'uomo a ORIGINE INDISCUSSA della vita, della "stirpe", dei figli.
Possiamo dunque ricercare mille concause atte a favorire l’idea che l’utero in affitto o la GPA possano esistere, ma all’origine c’è l’alienazione della donna nella struttura patriarcale, la scissione della GENERATRICE dal GENERATO, la cancellazione della MADRE operata nelle diverse società e nei vari culti, mediante la sovrapposizione maschile di un Padre-Dio.

30.01.2016
© Iole Natoli
(linkideatrice del primo progetto italiano di doppio cognome per i figli (1979)